sabato 8 ottobre 2011

il film sloveno.

Mentre The Artist si prepara a ricevere nominations all'attore e alle categorie tecniche data la sua costruzione basata sui film muti e in bianco e nero degli anni '30, dalla Slovenia approda agli Oscar un altro film, muto perché gli attori non parlano ma per niente silenzioso, dal titolo originale Circus Fantasticus che in inglese diventerà Silent Sonata.
All'inizio della pellicola i rumori dei bombardamenti avvertono il periodo di guerra e il pericolo imminente, feriscono a morte la moglie del protagonista Stevo e disperdono i suoi due figli, ma quegli stessi boati poi andranno a confondersi con il rumore che il carro del Circus Fantasticus fa avanzando verso di loro; Stevo e i suoi figli decidono di salire a bordo e intraprendere un viaggio con i colorati, istrionici, gotici personaggi circensi che non corrisponde a nient'altro che all'allegoria della vita ballata e musicata in poco più di un'ora.
Il regista del film, Janez Burger, si era fatto notare nel 1999 con un'altra (ormai introvabile) chicca slovena, V Leru; con quest'altro film ha guadagnato, in patria e in altri festival, premi alla regia, al soggetto, e spesso all'intero cast.

Nessun commento:

Posta un commento